Un’altra provocazione. Altrettanto seria

Sono giorni che mi chiedo cosa si possa concretamente fare per essere attivi contro questa mostruosa onda di populismo che sta annichilendo il pianeta e che ci fa correre molto velocemente contro la barbarie. Nei prossimi anni, se non mesi, corriamo il rischio di tornare ad un oscurantismo medievale. Ma che, al contrario del Medioevo, non avrà in sé il seme della costruzione di un futuro luminoso, la scoperta delle Americhe. In sé avrà la distruzione di una civiltà così come l’abbiamo conosciuta: la democrazia, la libertà, il progressismo, la solidarietà umana.

Cosa fare allora? Oggi sul quotidiano La Repubblica c’è uno splendido articolo di Paolo Rumiz che dice, in estrema sintesi, che è necessario predisporre un manualetto di resistenza umana. Io condivido questo pensiero ma mentre lui f riferimento ad un manuale di resistenza fondato sulle parole, personalmente credo sia necessario un prontuario sui piccoli gesti quotidiani che servano a costruire una resistenza sociale e politica. Insomma, un manualetto di buone azioni per essere realmente democratici (sia ben chiaro: nulla a che vedere con il Partito Democratico!!!), solidali e progressisti. Un insieme di azioni che possono essere svolte d ognuno di noi ogni giorno e che rappresentino un baluardo contro la barbarie, l’ignoranza, la prepotenza degli arroganti che oggi, purtroppo, pare siano la grande maggioranza in Italia e nel mondo.

Bene, io ci proverò. Da oggi. Magari è una banalità e il rischio che diventi una iniziativa demagogica c’è tutto. Spero che qualcuno, perché so bene che mi leggono in pochissimi, mi dia una mano e, soprattutto, mi aiuti con i consigli proprio per evitare che la deriva demagogica si impossessi di questa piccola iniziativa.

Incominciamo da oggi:

Prima azione di resistenza quotidiana:

  1. Andare sempre a votare a qualsiasi iniziativa democratica (elezioni, referendum, nomina di un rappresentante di classe nella scuola di una figlia/figlio, partecipare alle assemblee condominiali…)
Questa voce è stata pubblicata in Pensieri, Racconti, Sottrazione. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *