La promessa (Fine)

Lago di Tovel, 24 agosto 2012

Anna riaprì gli occhi. Poggiò l’anfora per terra, staccò il sigillo e tolse il tappo. Calò la mano nel contenitore di ceramica e riempì la mano delle ceneri del padre. Si rialzò e andò verso l’acqua. Aprì il pugno e le ceneri, scintillando nell’aria della sera si sparpagliarono nell’acqua.

Anna osservò l’acqua impregnare e assorbire le ceneri. Suo padre, finalmente, tornava ad essere parte di quel lago, di quella terra, delle sue radici.

Dopo la donna riprese l’anfora e si avvicinò nel bosco, vicino alla casa. Prese l’anfora e, facendo il giro dei quattro lati della baita, gettò pugni di ceneri tra gli alberi e nella terra scura. Poi si riavvicinò al lago, prese da terra manciate di sabbia e le infilò nell’anfora.

Pippo la seguiva tranquillo, tutto compreso in in un ruolo che non capiva. Sapeva soltanto che voleva restare vicino a quella donna.

Poi rientrarono a casa. Ora Anna poteva mantenere la promessa fatta a suo padre. Ora era libera.

Finalmente libera.

La promessa (parte 4)

La promessa (parte 3)

La promessa (parte 2)

La promessa (parte 1)

Questa voce è stata pubblicata in Racconti. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *