Nebbia

Non si può raccontare l’infinito, quel qualcosa che non ha confini, non ha forma, non ha materia. Quali parole usare? Come si può limitare dentro il segno di una consonante, o di una vocale, o di un suono, un’emozione che è aperta?

Questa è la scommessa.

Questa voce è stata pubblicata in Pensieri, Sottrazione. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *