Archivi del mese: ottobre 2015

Il viola e la notte

La baita era una casupola di cemento con un tetto di solidi tronchi di legno. Le pareti erano color grigio topo. All’interno era spoglio, solo un grande camino di pietra sulla parete in fondo. La casa era alle pendici di … Continua a leggere

Pubblicato in Pensieri, Racconti, Sottrazione | Lascia un commento

Il sentiero inesplorato

Ho deciso di riprendere a scrivere un racconto lungo che avevo abbandonato più di un anno fa. L’avevo lasciato da qualche parte sul mio MacBook, come un amico con cui ero arrabbiato. E lo ero per una serie di ragioni. … Continua a leggere

Pubblicato in Racconti, Sottrazione | Lascia un commento

Verso l’infinito

La strada si stringe tra una fila di ville antiche, l’intonaco chiaro è corroso dal tempo e dall’umido, e un muro alto di un verde ormai scrostato. Il muro è un reticolo di amori e di promesse scritti negli anni. … Continua a leggere

Pubblicato in Pensieri, Racconti, Sottrazione | Lascia un commento

La forma del buio

Sera. Interno casa. Davide era seduto alla scrivania. La casa era al buio. Dalla finestra alle sue spalle filtravano le luci arancioni della strada. Era stravaccato sulla sua vecchia sedia di legno. La faceva oscillare spingendola all’indietro, lentamente. Con la … Continua a leggere

Pubblicato in Racconti, Sottrazione | Lascia un commento

La pioggia di ottobre

L’uomo camminava nella strada deserta. Le luci arancioni dei lampioni disegnavano ombre inquietanti nel buio della sera. Il cielo era una lavagna di ardesia nera su cui scivolavano veloci nubi bianche gonfie di vento e di acqua. Un vento leggero … Continua a leggere

Pubblicato in Pensieri, Racconti, Sottrazione | Lascia un commento

Anna

Premetto che non amo particolarmente la scrittura di Ammaniti. L’unico libro che mi è piaciuto molto è stato “Io e te”. Gli altri no. Ho acquistato Anna con qualche remora, soprattutto per il battage pubblicitario che mi è parso eccessivo … Continua a leggere

Pubblicato in Recensioni, Sottrazione | Lascia un commento

Il bello e il brutto

Piove. Il rumore delle gocce sui vetri della stanza è il rotolare di trolley, spinti sui marciapiedi rotti di Roma. Un rumore intermittente che culla. Le strade sono vuote, macchiate solo da fagotti arrotolati sotto i cornicioni gocciolanti: i senza … Continua a leggere

Pubblicato in Pensieri, Racconti, Sottrazione | Lascia un commento