Archivi del mese: novembre 2011

La terza porta

Lasciò tutto. Infilò solo qualche ricambio in uno zaino, un coltellino per legno, una scatola di fiammiferi e una torcia con qualche pila di ricambio. Aggiunse qualche confezione di sapone, una lametta, anche se non aveva voglia di tagliarsi mai … Continua a leggere

Pubblicato in Racconti, Sottrazione | Lascia un commento

La seconda porta

Il sole è scomparso dietro l’ultimo albero, lì in fondo all’orizzonte ritagliato fra i palazzi bassi della città. Si intravede l’ultimo raggio in uno strappo di cielo alle nuvole nere, che si affrettano da nord. L’arancione saluta il grigio piombo … Continua a leggere

Pubblicato in Racconti, Sottrazione | Lascia un commento

La prima porta

La luce è soffusa. La lampada sul comodino, dal mio lato del letto, è accesa. Il cubo di vetro è dipinto di foglie gialle e arancioni ed è infilato in una spirale di bronzo rossastro che le fa da base. … Continua a leggere

Pubblicato in Racconti, Sottrazione | Lascia un commento

Tre porte. L’antefatto.

Tre Porte. Tre porte di legno spesso, lucide e di colore marrone chiaro. Tre porte in tre città diverse. Tre porte che quando si aprono raccontano storie. Storie inventate o storie vere non si sa. Restano tre porte che quando … Continua a leggere

Pubblicato in Racconti | Lascia un commento

Le Sirene

La sala è immersa nel buio. Sul palco una grande lampada ad olio è posta dietro il pianoforte e illumina tremolante il profilo nero del musicista. E’ seduto dietro la tastiera del piano. All’improvviso un faro giallo lo illumina. Ha … Continua a leggere

Pubblicato in Racconti | Lascia un commento

Le domande senza risposta

Era un uomo tutto di un pezzo. Non molto alto, magro come un albero secco appassito dalla sete. Era rigido, perennemente arrabbiato, convinto di essere nel giusto ma sicuro di non esserlo. Era un uomo divorato dai dubbi, dai sensi … Continua a leggere

Pubblicato in Racconti, Sottrazione | Lascia un commento

Questa parola

Questa parola, questa carta scritta dalle mille mani d’una sola mano, non resta in te, non serve per i sogni, cade nella terra; lì continua. Non importa che la luce o la lode si versino ed escano dalla coppa se … Continua a leggere

Pubblicato in Sottrazione | Lascia un commento

Il cancello nero

Sono le nove di mattina. Vado a correre. Il sole è limpido nel cielo azzurro intenso. Nel viottolo che mi porta verso la strada il sibilo potente della tramontana si trasforma in un sussurro tra le fronde degli alberi. Lo … Continua a leggere

Pubblicato in Pensieri, Racconti, Sottrazione | Lascia un commento

Blu cobalto e arancione

E’ novembre. Da bambino era il mese in cui gli alberi perdevano le loro folte chiome e si trasformavano in oscuri spaventapasseri dalle molte braccia. Era il mese in cui la nebbia e la pioggia mi facevano rincantucciare nei larghi … Continua a leggere

Pubblicato in Racconti, Sottrazione | Lascia un commento

Mi piaci quando taci…

Mi piaci quando taci perché sei come assente, e mi ascolti da lungi e la mia voce non ti tocca. Sembra che gli occhi ti sian volati via e che un bacio ti abbia chiuso la bocca. Poiché tutte le … Continua a leggere

Pubblicato in Sottrazione | 1 commento